Viaggiatori d'Intento - Associazione

ART. 1

È costituito come dispone il Codice Civile agli articoli 36 e seguenti, un’Associazione non riconosciuta e senza fini di lucro che assume la denominazione di:  I VIAGGIATORI D’INTENTO
Con sede in  Poggio Nativo (RI), in Via Contra,1 – cap. 02030 .
Il trasferimento della sede legale non comporta modifica statutaria, ma l’obbligo di comunicazione agli uffici competenti.

 

ART. 2

L’Associazione è un Centro permanente di vita associativa a carattere democratico e volontario.
Non persegue finalità di lucro. Non distribuisce utili o avanzi di gestione né in forma diretta né indiretta. Non costituisce fondi o riserve di capitale se non quelli previsti dalla legge.

 

ART. 3

Sono scopi e finalità dell’associazione contribuire:

  • alla promozione sociale e allo sviluppo culturale e civile dei lavoratori e dei cittadini e alla sempre più ampia diffusione della democrazia e della solidarietà nei rapporti umani e fra i popoli, alla pratica e alla difesa delle libertà civili, individuali e collettive;
  • alla socializzazione, ricreazione, promozione ed evoluzione della pratica emozionale, olistica e spirituale;
  • alla promozione e diffusione di discipline orientali e occidentali orientate verso lo sviluppo biofisico, psicologico, olistico, e spirituale degli individui;
  • al raggiungimento di un netto miglioramento delle condizioni di vita ed armonizzazione relazionale, dell’essere umano e della sua evoluzione, a livello individuale, familiare, infantile, sociale e spirituale.

 

ART. 4

Per realizzarli può operare:

  • organizzando mostre, convegni, dibattiti, promovendo e gestendo concorsi;
  • organizzando corsi di formazione a carattere formativo e di crescita personale;
  • promuovendo e gestendo attività editoriali;
  • promuovendo e gestendo cicli di film, videoproiezioni, concerti od altre iniziative a carattere musicale;
  • promuovendo e gestendo attività agricole e bio-naturali;
  • promuovendo lo sviluppo, la comprensione e la pratica delle discipline bio-psichiche, psicosomatiche, filosofiche, sciamaniche e meditative;
  • avanzando proposte agli Enti pubblici, stipulando convenzioni o richiedendo contributi, partecipando attivamente alle forme decentrate del potere locale;
  • partecipando a consorzi per gestione di iniziative culturali o di strutture a carattere culturale;
  • ricercando sponsorizzazioni e pubblicità, utilizzando le normative fiscali vigenti che regolano la materia;
  • promuovendo iniziative di turismo culturale e formativo in Italia e all’estero;
  • promuovendo iniziative atte alla salvaguardia dell’ambiente e del nostro habitat;
  • dotando la propria sede sociale di servizio, o la sede provvisoria designata nel caso di attività decentrate, di somministrazione ai soci di alimenti, bevande ed ospitalità;
  • offrendo senza scopo di lucro ai propri soci, materiale, beni e servizi, attinenti le attività che l’associazione opera;
  • acquistando beni mobili registrati e beni immobili occorrenti per lo svolgimento delle proprie attività. Ai fini della trascrizione dei relativi acquisti si applica l’art. 2659 del codice civile;
  • avanzando proposte ad Enti pubblici e privati per l’organizzazione di attività bio-naturali e promuovendole in prima persona;
  • gestendo in prima persona e/o aderendo a Consorzi, Enti, Imprese ed Associazioni che abbiano per oggetto la promozione della pratica olistica e Naturale del territorio;
  • promuovendo e gestendo, iniziative a carattere fotografico e musicale, ed attività artistiche nei campi della pittura, danza, yoga, alimentazione, movimento corporeo, editoria;
  • promuovendo e diffondendo discipline di medicina olistica e percorsi spirituale, senza mai sconfinare in campo medico o fisioterapico, ed in campo assolutistico-religioso;
  • promuovendo e gestendo attività mirate al benessere psico-fisico della persona e del suo ambiente
  • promuovendo, esperienze pratiche di agricoltura biologica e bio-dinamica, nonché comprensione dei rapporti vitali tra l’uomo, le piante, la terra;
  • promuovendo e conducendo attività ludiche, ricreative ed interpersonali, con gli Animali.

A tal fine, l’ubicazione della sede della associazione in un luogo che si sposa dal punto di vista naturalistico con tali finalità potrebbe essere opportuno.

 

ART. 5

L’associazione è aperta a tutti coloro che, interessati alla realizzazione delle finalità istituzionali, ne condividono lo spirito e gli ideali.          Il numero dei soci è illimitato e vi possono aderire cittadini di ogni sesso, razza, nazionalità e convinzione religiosa.
I soci si dividono nelle seguenti categorie:

  • soci ordinari: persone che si impegnano a pagare, per tutta la permanenza del vincolo associativo, la quota annuale stabilita dal Consiglio Direttivo;
  • i soci onorari: persone che abbiano contribuito in maniera determinante con la loro opera od il loro sostegno ideale o economico alla costituzione dell’associazione. Hanno carattere permanente e sono esonerati dal versamento delle quote annuali.

Il nuovo socio per aderire all’associazione dovrà fare richiesta al Consiglio direttivo, o ad un consigliere a tale scopo delegato,  che delibererà in merito.

 

ART. 6

La quota sociale è personale, non può essere ceduta a terzi, non può essere trasmessa agli eredi per diritto di successione e non è rivalutabile in caso di recesso.

 

ART. 7

L’iscrizione a socio comporta l’osservanza del presente statuto e dei deliberati degli organi sociali. Tutti i soci aderenti acquisiscono gli stessi diritti e doveri individuali dallo statuto o dai regolamenti interni successivamente emanati.
I soci che hanno compiuto la maggiore età possono esercitare il diritto di elettorato attivo e passivo, di modifica dello statuto e del regolamento e di nomina degli organi direttivi dell’associazione.

 

ART. 8

Perdita della qualifica di socio.
Si perde lo status di associato per decesso, per la non osservanza e rispetto dello statuto e dei regolamenti interni, delibera in tal senso il Consiglio direttivo.
Quanto deliberato dal Consiglio direttivo è insindacabile.

 

ART. 9

Il sodalizio è articolato in tre istanze:

  1. l’Assemblea
  2. il Consiglio Direttivo
  3. il Presidente

 

ART. 10

L’assemblea è costituita da tutti i soci. Elegge il Consiglio direttivo.
Approva il bilancio, indica le linee di sviluppo dell’associazione, opera le scelte fondamentali, delibera sull’operato degli organismi esecutivi e rappresentativi, esercita la propria azione affinché le attività svolte siano in linea con il presente statuto.
Delle deliberazioni e decisioni prese dall’assemblea ne verrà data adeguata informazione e pubblicizzazione ai soci utilizzando: o manifesti, o avvisi affissi nei locali della sede sociale, o lettere personali, o comunicati inseriti all’interno di riviste edite dal sodalizio stesso, o comunicazioni per via informatica.
L’assemblea è convocata con annuncio scritto secondo le medesime modalità riportate nel precedente capoverso, almeno sette giorni prima della data di convocazione.
L’assemblea ordinaria è convocata almeno una volta ogni anno per l’approvazione del bilancio.
L’assemblea straordinaria è convocata ogni volta che il Consiglio direttivo lo ritenga opportuno,ed  ogni volta che ne faccia richiesta almeno il 10% dei soci.
L’assemblea sia ordinaria che straordinaria è valida in prima convocazione con la presenza della maggioranza dei soci, in seconda convocazione è regolarmente costituita qualunque sia il numero degli intervenuti e delibera a maggioranza assoluta dei voti dei presenti. La seconda convocazione può avere luogo anche quindici minuti dopo la prima.

 

ART. 11

I membri del Consiglio Direttivo sono scelti tra i soci e restano in carica un anno.
Il Consiglio Direttivo elegge nel suo seno il Presidente e il vice Presidente e ripartisce gli altri incarichi sociali.
Tutte le cariche elettive sono gratuite e saranno eventualmente rimborsate le sole spese inerenti l’espletamento di incarichi o missioni effettuate su preciso mandato.
Il consiglio direttivo esegue il mandato esecutivo ricevuto e deliberato nel programma assembleare.
Si riunisce di norma almeno una volta al mese.
Il Consiglio Direttivo ha la facoltà, per gestire le varie attività dell’associazione, di aprire le relazioni economiche che riterrà opportune in conformità con le finalità sociali, di avvalersi della collaborazione o della prestazione professionale retribuita di tecnici ed esperti, di compiere gli atti amministrativi necessari all’espletamento del mandato.

 

ART. 12

Al presidente è delegata la rappresentanza nei confronti dei terzi, la firma su atti e negozi messi in essere in nome e per conto dell’associazione. In caso di assenza o impedimento del Presidente le sue funzioni spettano al vice Presidente o ad un Consigliere appositamente nominato.

 

ART. 13

I mezzi finanziari del sodalizio sono rappresentati dalle quote sociali, dai contributi elargiti, dai proventi delle attività svolte che potranno derivare anche da prestazioni svolte in esercizio di impresa.
Il bilancio comprende l’esercizio sociale dal 1 Gennaio al 31 Dicembre di ogni anno e deve essere presentato all’assemblea ordinaria per l’approvazione. Successivamente ne sarà data ampia informazione e pubblicizzazione utilizzando gli strumenti previsti dall’art. 10 del presente Statuto.

 

ART. 14

La decisione di scioglimento del sodalizio deve essere presa da almeno la metà più uno dei soci iscritti all’Associazione. Tale assemblea per essere valida deve essere convocata con invito scritto personale, anche informatico, a tutti i soci.

 

ART. 15

In caso di scioglimento l’assemblea delibera sulla destinazione del patrimonio residuo, dedotte le eventuali passività, per uno i più scopi stabiliti dal presente statuto, ad altra Associazione con finalità analoghe e comunque con scopi di pubblica utilità.

 

ART. 16

Per quanto non previsto dal presente statuto valgono le norme di legge vigenti in materia.